Imposta come Home|Metti nei Preferiti
 

 
» » Spagna, intesa su manovra: aumento salario minimo e più tasse sui ricchi
Sponsor

Spagna, intesa su manovra: aumento salario minimo e più tasse sui ricchi

Аutore:idontknow Data:12-10-2018, 12:59
Spagna, intesa su manovra: aumento salario minimo e più tasse sui ricchi

Il premier spagnolo Pedro Sanchez (a sinistra) con il leader di Podemos Pablo Iglesias (Ap)

Aumento del salario minimo e dell'imposta patrimoniale: il governo socialista spagnolo ha raggiunto giovedì un accordo di principio con il suo principale alleato Podemos su un bilancio 2019 anti-austerity. Un accordo tra socialisti e sinistra radicale che sarà presentato a Bruxelles la prossima settimana. «È urgente invertire il percorso dalle cicatrici di austerità» hanno scritto nell'introduzione al loro accordo Podemos e il governo di Pedro Sanchez, salito al potere a giugno dopo la mozione di censura al governo conservatore di Mariano Rajoy.

Più tasse per i redditi alti
L'accordo di bilancio - che deve però passare dal Parlamento dove Psoe e Podemos non hanno la maggioranza - prevede un aumento del 22,3% del salario minimo mensile a 900 euro (da 735,90 euro), o 164 euro in più al mese. Una misura che costerà 340 milioni di euro allo Stato, secondo il testo pubblicato. Il governo e Podemos hanno confermato la loro volontà di indicizzare le pensioni all'inflazione, con un costo per 704 milioni. Podemos e il governo vogliono anche aumentare di due punti le tasse per i contribuenti che guadagnano più di 130.000 euro all’anno e di quattro punti per le persone che guadagnano più di 300.000 euro. Attualmente l’aliquota marginale si applica ai redditi superiori ai 60mila euro ed è fissata al 45 per cento. Previsto infine l’aumento dell'1% dell'imposta sui patrimoni superiori ai 10 milioni di euro.

Norme per calmierare i prezzi degli affitti
I socialisti accolgono inoltre delle grandi richieste di Podemos in materia di casa: i consigli comunali possono «temporaneamente ed eccezionalmente» regolare i prezzi di affitto nelle aree urbane “stressate” quando c'è stato un «aumento abusivo» degli affitti «che impedisce ai suoi abitanti di accedere e godere di alloggi a un prezzo ragionevole». Il prezzo dell'affitto è aumentato negli ultimi cinque anni del 47% a Barcellona e del 38% a Madrid, le due principali città che Podemos e i suoi alleati governano.
La modifica della legge sulle locazioni urbane estenderà i contratti di locazione dagli attuali tre anni a cinque anni per le case di proprietà di persone fisiche e da 3 a 7 anni nel caso delle abitazioni di proprietà delle persone giuridiche.

Riforma del lavoro
Tra gli impegni presi c'è l'abrogazione «prima della fine del 2018» degli «aspetti più dannosi della riforma del lavoro del 2012», in particolare nell'ambito della contrattazione collettiva. L'intenzione di Sánchez e Iglesias è di approvare «in via prioritaria e urgente» una nuova regolamentazione del lavoro che favorisca la contrattazione collettiva.

A caccia di una maggioranza in Parlamento
L'esecutivo minoritario di Sanchez, con soli 84 deputati alla Camera bassa, con gli appoggi di Podemos somma 151 dei 350 voti del Parlamento, insufficienti per ottenere la maggioranza sul documento contabile, che dovrà essere presentato entro lunedì prossimo a Bruxelles. Popolari e Ciudadanos, che insieme contano su 166 seggi, hanno già dichiarato che voteranno contro la proposta di bilancio. Ma fonti socialiste non escludono di poter arrivare a un'intesa con i partiti nazionalisti baschi e catalani per raggiungere l'obiettivo, che consentirebbe di arrivare a fine legislatura nel 2020. Non sarà facile: Joaquim Torra, presidente del governo catalano, ha detto che le formazioni indipendentiste voteranno a favore solo se il governo si impegnaerà a indire un referendum sull’indipendenza della Catalogna.

Fonte

Тags: Spagna, Salario, Parlamento, Socialisti, Pedro, Sanchez, Podemos, Pablo, Iglesias, Austerity

    Commenta questo articolo

Ogni uomo è colpevole di tutto il bene
che non ha mai fatto. Voltaire
Povero non è chi non ha nulla, ma
chi desidera sempre di più.Seneca

 

 
Please enable / Per Favore Attivare JavaScript!
Veuillez activer / Por favor activa el Javascript!