Imposta come Home|Metti nei Preferiti
 

 
» » Terremoto Amatrice, la Procura indaga su 33 milioni mai arrivati!
Sponsor

Terremoto Amatrice, la Procura indaga su 33 milioni mai arrivati!

Аutore:idontknow Data:6-07-2018, 09:04
Terremoto Amatrice, la Procura indaga su 33 milioni mai arrivati!

Il pm di Rieti ascolta il sindaco Pirozzi che ha denunciato il mancato arrivo delle donazioni con sms “mai arrivate alle popolazioni colpite dal sisma dell’agosto 2016”.

Oltre 33 milioni di euro raccolti con gli sms di solidarietà per i terremotati del 24 agosto 2016 e “mai arrivati alle popolazioni colpite dal sisma”. Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, grida tutta la sua rabbia dal palco di Atreju, la festa di Fratelli d’Italia. Svelando, fra l’altro, che quei fondi sono stati destinati ad altri interventi “estranei alle aree pertinenti”, addirittura per “una pista ciclabile in un paese delle Marche non colpito dalle scosse”. Le parole di Pirozzi confermano alcune segnalazioni già recapitate alla Procura di Rieti guidata da Giuseppe Saieva. A quanto si apprende da fonti giudiziarie, il sindaco di Amatrice sarà convocato nei prossimi giorni dai magistrati che apriranno un fascicolo contro ignoti e avvieranno indagini specifiche sugli sms solidali.

La piccola Procura di Rieti è tuttora impegnata nelle inchieste relative ai crolli e deve occuparsi anche della ricostruzione e delle problematiche relative alle assegnazioni dei moduli abitativi. I fascicoli più rilevanti sono prossimi alla chiusura, così alcune forze potranno ora essere destinate a ricostruire la correttezza o meno della raccolta e assegnazione dei fondi attraverso i messaggi da 2 euro che molti enti, associazioni e fondazioni – a scopo benefico e non – hanno lanciato subito dopo il terremoto dell’agosto 2016.

“Io ho avuto la fortuna di avere tanta solidarietà diretta da parte degli italiani”, ha detto Pirozzi riferendosi al conto corrente aperto nell’immediato dal Comune. “Però con la gestione di quelle donazioni degli sms si sta dando un messaggio profondamente sbagliato. Perché io penso che tante persone in quelle giornate e quelle settimane intendevano dare un aiuto diretto a quelle persone e a quei paesi che vedevano devastati”, ha aggiunto. “Il fatto di non indirizzarli là è devastante, perché poi la gente non crede più a nulla. La destinazione di quei fondi è stata decisa da una commissione di saggi che tanto saggi non sono. Io credo che dopo averli usati così bisogna chiedere scusa agli italiani”.

Lo scorso giugno la commissione di saggi predisposta dal governo ha assegnato i fondi alle Regioni per il post sisma. Alle Marche spettavano 17,5 milioni. Il governatore, Luca Ceriscioli del Partito Democratico, ha riunito tutti i sindaci delle zone colpite per raccogliere le loro necessità e proposte di impiego per i fondi così da stilare un elenco di priorità. Ed è emerso che in realtà, Ceriscioli, qualche idea l’aveva già recepita: 5,4 milioni destinati a una pista ciclabile e altri 3 alla realizzazione di impianti termali ad Acquasanta. Il sindaco di Arquata del Tronto, Aleandro Petrucci, non l’ha presa bene: “Noi abbiamo avuto 51 morti, io per strada ho ancora 500 mila tonnellate di macerie e parlate di una pista ciclabile?”. Ceriscioli ha fatto una mezza marcia indietro: ha cancellato la ciclabile ma nella bozza di bilancio è rimasto l’importo di tre milioni destinati a una “grotta sudatoria” e impianti termali di Acquasanta. In quest’ultimo Comune era prevista anche la realizzazione di un eliporto, oltre ad altri tre da realizzare a Montegallo, Montemonaco e Comunanza.

La Procura, con ogni probabilità, risalirà anche all’impiego dei fondi. E, a sentire quanto sostiene Pirozzi, non sarà un lavoro semplice. Il sindaco di Amatrice, sempre nel corso del suo intervento ad Atreju, ha sottolineato come sia stato e sia “un calvario” dover “subire i provvedimenti del governo” sulla ricostruzione, “inutili e fatti male”, ha spiegato, “perché ispirati dai vari clientes di riferimento”. La rabbia e la delusione di Pirozzi si comprendono a pieno se a questo si aggiunge che i fondi raccolti direttamente dal Comune di Amatrice sono stati inviati appena due giorni fa al commissario del governo: oltre un milione e mezzo di euro destinati alla ricostruzione di alcune strutture fondamentali per la città, come l’ospedale Grifoni, l’istituto Alberghiero e la scuola. Soldi affidati al commissario che ora deve destinarli. Nella speranza che questi, a differenza di quelli raccolti con gli sms, arrivino dove devono.

Fonte

Тags: Terremoto, Amatrice, Procura, Indagine, Soldi, Fondi, Terremotati, Sms, Pirozzi, Donazioni

    Commenta questo articolo

Ogni uomo è colpevole di tutto il bene
che non ha mai fatto. Voltaire
Povero non è chi non ha nulla, ma
chi desidera sempre di più.Seneca

 

 
Please enable / Per Favore Attivare JavaScript!
Veuillez activer / Por favor activa el Javascript!